Buoni propositi per il 2010: studiare (di più) l’economia della complessità

Volevo e voglio viaggiare di meno, ma l’occasione vale l’eccezione. Eccomi a Torino per seguire il corso di David Lane su quella che lui chiama “innovazione nello spazio agenti-artefatti”. David, non ho difficoltà ad ammetterlo, è uno dei miei eroi. Tanto per dirne una, è stato fin dall’inizio nel programma sull’economia dell’Istituto di Santa Fe, la culla della scienza della complessità e dell’approccio interdisciplinare: anzi, ne è stato uno dei direttori, sostituendo nientemeno che Brian Arthur. Ascoltare una lezione di David è come andare su un otto volante disegnato da un genio sadico: passa con disivoltura dalla modellizzazione del comportamento delle formiche in un formicaio ai metodi di costruzione degli utensili in selce nel neolitico. Io mi aggrappo disperatamente e cerco di non essere sbalzato fuori, e di seguire la lezione fino alla fine.

Sono convinto che l’approccio complexity allo studio dell’economia abbia davvero qualcosa da dire. E’ agilissimo, perché sfrutta strategie di indagine e di modellizzazione prese dalla biologia, dalla fisica, dall’informatica, dalla matematica delle reti, dall’etnografia; e molto rigoroso, perché i suoi campioni tendono ad essere più bravi con la matematica degli economisti tradizionali (che pure sono molto bravi). E studio, nella speranza di capire meglio i fenomeni di emergenza che vedo svolgersi davanti ai miei occhi – l’ultimo, di questi giorni, è l’autoorganizzazione del programma del Kublai Camp 2010. Qualcosa resterà.

Share this:

4 pensieri su “Buoni propositi per il 2010: studiare (di più) l’economia della complessità

  1. Luca Spoldi aka Lukemary Slade

    Pensa positivo e qualcosa resterà di sicuro, grande lezione imparata anni fa. Quanto all’economia che dire… la sua scarsa conoscenza spiega credo buona metà dei comportamenti irrazionali delle persone (della serie: capissero non si farebbero fregare così spesso). Ti suggerisco un blog di alcuni ex colleghi che pure con l’economia non se la cavano male: http://phastidio.net
    E per il camp…chissà che non riesca a partecipare una volta tanto (che pure male non mi farebbe, son sicuro). Ad maiora e buon 2010!

    Replica
  2. Luigi Reggi

    David Lane è anche il mio eroe dal corso di statistica II a modena!
    Ne ho perso le tracce putroppo… hai per caso qualche suo ultimo lavoro da suggerire, potenzialmente da applicare alle “cose nostre”? Sarò volentieri il tuo compagno di studi… 🙂
    ciao e ci vediamo al kublai camp!!

    Replica
  3. Pingback: Paura e delirio su la Stampa e Nòva » Contrordine compagni

  4. Pingback: Notizie dai blog su Il progetto Mancoosi per studiare la complessità del software

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.