Tag Archives: trasporti

Buoni propositi per il 2010: ridurre i viaggi di lavoro

In 2009 I travelled on business a lot. Too much. I am waiting the second six-months Dopplr report, but I think I am somewhere around 100,000 kms, with the consequences that you can imagine in terms of pollution and congestion. Well, as information transport technology go, motorways, trains and airplanes are spectacularly inefficient. It’s like propelling a boat by exploding dynamite aft of the vessel, and counting on the explosion’s shockwave to move it: it (kinda) works, but it iss damaging, dangerous and very, very coarse.

Gli esperti di mobilità non hanno ancora capito una cosa assolutamente ovvia: il sostituto dell’auto non è l’auto elettrica o a idrogeno. Non è il trasporto pubblico urbano. E’ internet, che sposta informazione senza spostare atomi (giusto qualche elettrone, che pesa mooolto meno di noi). Mobility experts are not getting something which should be absolutely obvious: the substitute technology for the car is not the electric (or hydrogen) car; nor is it public transport. It is the Internet, which is good at transporting information without moving atoms around (it does move a few electrons, but those are waaay lighter than us.

Let’s make a deal, in the interest of the planet and of our own well-being: let us all buy a 20 euro headphones and microphone, install Skype and Second Life for interacting with others. Above all, it would be a great idea to learn to coordinate with our colleagues in writing – and asinchronously. There’s quite a lot of great tools out there to help us – many of them free – so we can all enjoy working from our offices in the clouds. Let’s travel, by all means, but let’s do it to explore new or beautiful places, or to give a hug to a loved one. And let’s finally dispose of a really obsolete technology that everybody hates: the meeting.

Buoni propositi per il 2010: ridurre i viaggi di lavoro (Italiano)

Anche nel 2009 per lavoro ho viaggiato molto. Troppo. Sto aspettando il secondo rapporto semestrale di Dopplr, ma credo di girare sui 100mila chilometri, con le conseguenze facilmente immaginabili in termini di inquinamento e congestione. La cosa buffa è che questi viaggi, con qualche eccezione, non sono davvero necessari. Le autostrade, le ferrovie e gli aerei trasportano soprattutto informazione (o almeno è così per il traffico passeggeri). Beh, come modo di trasportare informazione l’A3 Salerno-Reggio Calabria, la tangenziale est a Milano e il Freccia Rossa Milano-Roma sono inefficienti in un modo assolutamente spettacolare. E’ un po’ come spingere una barca facendo esplodere dinamite a poppa e lasciandosi trasportare dall’onda d’urto dell’esplosione: funziona (un po’), ma è dannoso, pericoloso e molto, molto rozzo.

Gli esperti di mobilità non hanno ancora capito una cosa assolutamente ovvia: il sostituto dell’auto non è l’auto elettrica o a idrogeno. Non è il trasporto pubblico urbano. E’ internet, che sposta informazione senza spostare atomi (giusto qualche elettrone, che pesa mooolto meno di noi).

Facciamo un patto, nell’interesse del pianeta e della nostra stessa serenità: compriamoci tutti quanti una cuffia con microfono da 20 euro, installiamo Skype e Second Life per quando vogliamo parlarci. Soprattutto, impariamo a coordinarci con i nostri colleghi usando di più la parola scritta – e asincrona – e di meno le chiacchiere, aiutandoci magari con qualche software di project management, e lavoriamo sereni dai nostri uffici nella nuvola. Viaggiamo, certo, ma facciamolo per vedere luoghi nuovi, o per abbracciare una persona amica. E aboliamo, finalmente, una tecnologia sociale davvero obsoleta, e che infatti odiano tutti: la riunione.