Writings

My writings are accessible from my Scribd page. They reflect the evolution of my interests over time, so they deal with music, creativity, innovation, digital economy and development policy issues, but also with stuff I used to work on in the past, mainly environmental economics. Many have been published in academic journals, books or general interest newsmagazines before I decided to upload them.

Slides that go with my presentations at conferences, lectures etc. can be found on my Slideshare page.

Everything has been published with creative commons licenses. You are welcome to download, reproduce or incorporate them in your own work. I only ask you to quote me if you do.

Documents

Share this:

5 pensieri su “Writings

  1. Vincenzo Presutti

    ciao alberto..sono un laureando in scienze e tecnologie della comunicazione dell’università “Sapienza” di Roma..
    Sto pensando ad un argomento di tesi di laurea con il prof. Francesco D’Amato e lui mi ha suggerito di provare a chiederti consigli..Dato lo sviluppo in rete del fenomeno del “tagging” credo sia interessante provare a chiedersi come questo possa sconvolgere o quantomeno cambiare il modo di categorizzazione di genere (in questo caso in ambiti musicali)..innanzitutto in senso opposto alla solite classificazioni nate dall’alto e propinate verso il basso, i “tags” vengono creati dagli utenti..e poi potrebbero rivelarsi anche fuorvianti, non strettamente utili..
    Comunque se ti può interessare..ne possiamo parlare meglio…
    Vincenzo

    Replica
  2. Alberto Autore articolo

    Vincenzo, sul tagging si sa abbastanza tutto, basta stare un po’ su Last.fm. Per cavarci una tesi dovrai probabilmente fare una domanda più specifica. In bocca al lupo, comunque!

    Replica
  3. Vincenzo

    ciao alberto…sono sempre io..veramente nelle mie parole c’era una ,non tanto velata, richiesta di un aiuto o qualche suggerimento proprio sul modo di indirizzare la mia ricerca su una domanda particolare in modo da occuparmene…credi che sull’argomento sia stato detto un po tutto?penso che in campo musicale ci si avvii verso un mutamento del modo anche di percepirla oltre che distrubuirla…grazie per l’attenzione..vincenzo

    Replica
  4. Alberto Autore articolo

    Puoi provare a concentrarti su Last.fm, che secondo me fa degli scherzi strani dovuti proprio alla folksonomy. iscriviti, usala molto, cerca su Technorati e Google notizie su Last.fm incrociate con “tagging” e “folksonomy” e isola un argomento che ti colpisce.

    Replica
  5. Daniela

    Alberto,
    hai voglia di venire a Prato ad esporre le tue idee ad un gruppo di imprenditori e liberi professionisti del distretto pratese della moda?
    Daniela, coordinatrice di Pratofutura Associazione Culturale

    Replica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*