Contrordine compagni?

Contrordine compagni is my blog. I don’t get paid to write it, and I don’t make any money out if it. I blog in my spare time to share my personal opinions; these are in no way connected with those of the institutions and companies with which I work now or have worked in the past.

In the early 1950s Giovannino Guareschi, a (very smart) conservative from Emilia Romagna, made fun of the excessive trust that the Emilian communist militants had in their leaders and their party. He would draw and publish on “Candido”, the weekly magazine he was chief editor of, cartoons in which the party newspaper, after giving the poor militants utterly absurd instructions due to misprinting (which they tried to comply with anyway, being unthinkable that the party made mistakes), called for a “counterorder, comrades”. I decided to give this title to my blog because I sympathize with the naive, idealist communists of Emilia, my native region, and because I, too, learn new stuff by trial, error and “counterorder”. Which is not a bad system in the digital age.
Contrordine compagni

«Obbedienza cieca pronta assoluta. – Contrordine compagni! La frase pubblicata sull’Unità: “Bisogna che i compagni trovino in ogni sede rionale un asino accogliente che offra ad essi la possibilità di istruirsi a di divertirsi”, contiene un errore di stampa e pertanto va letta: “Bisogna che i compagni trovino in ogni sede rionale un asilo accogliente…”»

Immagine e didascalia: grazie alla Fondazione Mondadori.

Share this:

9 pensieri su “Contrordine compagni?

  1. carlotta mismetti capua

    caro alberto

    ora non saprei più dire come sono finita sul tuo blog, guareschi mi pare un’immagine fantastica, e uno scrittore che ho letto, amato e che senza volere mi anche dato il nome (carlotta).

    ti cercavo, però, e mi farebbe piacere riprendere dei contatti, e magari incontrarci. vedo che segui le mondine, e vorrei poterne scrivere, subito, ora, sul concereto americano, e poi quando hai il libro pronto

    mi rimandi i tuoi contatti mail e cellulare e fisso?
    ciao, care cose
    carlotta mismetti capua

    Replica
  2. alessio

    “tentativi, errori e contrordini” imparare dai propri errori e condividerte il risultato.
    la società puo tornare sul cammino dell’evoluzione sociale abbandonando la santificazione dell’individualismo

    Replica
  3. Francesco Chiari

    Ci siamo conosciuti ai tempi dei Fiamma Fumana- quando ancora cantava Silvia- e ho i due primi CD autografati da tutti voi: siete stati un’esperienza non solo musicale che mi ha aiutato molto in un periodo difficilissimo della mia vita, e che anche ora mi consola in tanti momenti bui. Volevo sapere se è possibile restare in contatto tramite una mailing list. (a proposito, come mai il sito http://www.fiamma.org è chiuso?) o se è possibile contattarti via mail privata. A presto risentirci. Francesco Chiari

    Replica
  4. David Spada

    quel “ma molto intelligente” sembrerebbe intendere che, di solito, i conservatori non lo siano; un’ipotesi perlomeno stravagante…

    Replica
  5. santi lo monaco

    “naive, idealist communists of Emilia”
    nessuno degli aggettivi utilizzati si configura utilizzabile per la mia personale esperienza di comunisti emiliani, dal punto di vista lavorativo i comunisti emiliani (per me) sono sempre stati: settari, violenti, fascisti (che da li vengono); un nome per tutti: Pietro Valenti, dominattore indiscusso del teatro pubblico emiliano, comunista ma non ingenuo o idealista, semmai furbo, malizioso, tirannico e anche cialtrone e parecchio provinciale con la sua ansia di international. Guareschi conduceva una feroce battaglia personale contro l’ipocrisia dei comunisti, a suo tempo, oggi, forse, sono anche peggio.

    Replica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*