Tag Archives: Giappone

La forza e la fatica e degli open data

Dalla mailing list di Spaghetti Open Data (impagabile) raccolgo e rilancio due segnalazioni di questi giorni che mi sembrano interessanti.

  1. la prima è la straordinaria demo di data.gov sui terremoti. Pesca da un dataset di terremoti, archiviati per intensità e coordinate geografiche, e restituisce una mappa dei terremoti dell’ultima settimana. Siccome è aggiornata dinamicamente, la visualizzazione cambia nel tempo: qui sopra mostro uno screengrab che fa vedere i 300 e passa eventi sismici avvenuti in Giappone questa settimana, su oltre 400 in tutto il mondo (hat tip: Matteo Brunati). Riccardo Strobbia ha costruito uno strumento simile, stringendo i limiti temporali della query per avere una visualizzazione dei terremoti in tempo reale (hat tip: Federico Bo)
  2. la seconda è utile per temperare i nostri entusiasmi per i dati aperti con le difficoltà molto reali di manipolazione. Eric Sanna ha pubblicato una specie di tutorial per costruire un semplice grafico a partire dal dataset di assenze dal lavoro dei dipendenti del Consiglio Nazionale delle Ricerche, la cui pubblicazione, come forse ricorderete, è prevista dal decreto Brunetta. Il CNR, come purtroppo molti enti e agenzie, ha pubblicato sì i dati, ma in formato PDF, quindi pochissimo aperto. A forza di smanettare, Eric riesce a passare da PDF a Excel, e da Excel a un grafico. Però ci mette un’ora e mezza: lui, che in quanto a rapporto con i dati è decisamente più attrezzato del cittadino medio (lavora all’ISTAT)! Inoltre, il lavoro descritto da Eric serve solo a fluidificare i dati e mostrarli, mentre si ferma alla soglia dell’elaborazione vera e propria – cioè della fase che potrebbe strappare ai dati qualche segreto, qualche intuizione. Per esempio: come interpretare il picco di assenze in agosto? Conclusione: manipolare i dati è faticoso, e lo rimarrà ancora a lungo. C’è ancora molto lavoro da fare per rendere i dati pubblici veramente fruibili, e fino a che non lo saranno il loro potenziale rimarrà ancora, almeno in parte, inespresso.

Open data: the hardship and the power

These days the Spaghetti Open Data mailing list (priceless) is all the rage for two interesting contributions.

  1. the first one is the extraordinary data.gov demo in earthquakes. It draws from a dataset of earthquakes, filed by intensity and location, and returns a map of earthquakes in the world over the last week. It updates dynamically, so what you’ll see changes over time: above is a screeb grab of what northern Japan looks at the time of writing, with well over 300 seismic evens over a world total of more than 400. (hat tip: Federico Bo)
  2. the second one is useful to dampen our enthusiasm with a realistic assessment of real-life difficulties. Eric Sanna has published a tutorial of sorts to build a simple chart starting from a dataset of absence from work of the employees of Consiglio Nazionale delle Ricerche. Italian law mandates public agencies to publish data on employee absences, and CNR obliged — but using PDF, not exactly on open format. Tinkering around, Eric went from PDF to Excel, and from Excel to chart. But that took 1h 30′; and Eric is way more data literate than the average — he actually works at ISTAT! Plus, his tutorial stops where the real elaboration begins, and the civic hacker sets off to extract some hidden knowledge from the data. For example, what could the peak in absences in August possibly mean? Conclusion: manipolating data is hard, and it will stay hard. There is a lot of work to do to make public data truly usable, and until that work gets done the potential of open data will go, at least in part, untapped.

Un social network è un atto d’amore

Il tempio di Ise è un atto d'amoreIn Here comes everybody (consigliatissimo, ma del resto Clay Shirky è una garanzia assoluta) c’è una frase che secondo me vale il libro. In un capitolo che parla di Wikipedia, viene introdotto il tempio Shinto di Ise, in Giappone, che in oltre un millennio è stato ricostruito sessantuno volte usando legno dallo stesso bosco. Tradizionalmente il legno è il principale materiale di costruzione in Giappone: poiché la durata del legno in edilizia è limitata a un paio di secoli nel migliore dei casi, la soluzione della ricostruzione periodica è l’unica possibile su quel tipo di scala temporale. A questo punto Shirky raggiunge (e fa raggiungere al lettore) un momento di puro satori:

Wikipedia è un tempio Shinto. Esiste non in quanto edificio, ma in quanto atto d’amore. Come il tempio di Ise, Wikipedia esiste perché c’è un numero sufficiente di persone che la amano, e, cosa più importante, si amano nel contesto che essa fornisce. Questo non significa che le persone che la costruiscono siano sempre d’accordo, ma amare qualcuno non preclude l’essere in disaccordo con lui (come la vostra stessa esperienza senza dubbio vi confermerà). [traduzione mia]

Mi ritrovo completamente. La mia piccola esperienza di utente di social network è tutta declinabile in termini di atti d’amore per le diverse comunità che ho frequentato, e per le singole persone nel contesto di quelle comunità. Kublai, il social network che alcuni amici ed io stesso stiamo provando a lanciare, è assolutamente un atto d’amore per i creativi italiani, dalle cui fila (sezione rock’n’roll) io stesso provengo, e che credo portino in sé un seme di futuro. Per questo ci sono sopra in continuazione, leggo tutti i profili e seguo tutti i link, e continuo a stupirmi dell’energia creativa (in genere inutilizzata o sottoutilizzata) che arriva da una società ferma come quella italiana. Dalla “Second Life al contrario” dei giochi online che spingono a uscire di casa e riappropriarsi degli spazi pubblici ai trailers per i libri, la creatività umana riesce a reinventare il mondo e a indicare nuovi percorsi di sviluppo. Questo è un bene preziosissimo, che vale tutti i miei sforzi e anche di più.

(Corollario: il sentiero per lo sviluppo economico implicito in Kublai si basa sulla creazione di infrastrutture cognitive, di cui la community dei creativi è un esempio. Possiamo dire che facciamo sviluppo puntando sull’amore, come forza che ricrea continuamente le infrastrutture cognitive su cui “girano” le iniziative di sviluppo? Troppo mistico?)