Tag Archives: bailout

Le mondine e il piano Paulson

Le mondine, vedete, sono gli anziani della nostra tribù. Non è solo questione di imparare da loro delle canzoni, sia pure belle e importanti: è tutta una visione delle cose quella che hanno da trasmettere, e che è profondamente radicata nei valori che fanno di noi, gli italiani e gli emiliani in particolare, quello che siamo. Così quando Antonio mi ha sollecitato un parere sulla crisi finanziaria e sul piano Paulson, mi è venuto da chiedermi: cosa ne penserebbero le mondine? La risposta non è affatto complicata come si potrebbe pensare. Silva, Lidia, Diva e le altre hanno combattuto per sottrarre la soddisfazione di alcuni bisogni di base, che loro sentono come diritti, al settore privato (cioè al padrone in piedi sull’argine della risaia) per portarla in una sfera pubblica: servizi di cura per i figli, pensione, sanità. Non c’è dubbio che preferirebbero affidare il mutuo casa allo stato, ancorché scassato e lacunoso, piuttosto che a Merryl Lynch o anche a Profumo.

Non voglio assolutamente sminuire l’importanza dei complicati tecnicismi, su cui il piano Paulson o i suoi omologhi europei vengono approvati o affossati; ma il punto di vista delle mondine ci dà intanto una prospettiva, un obiettivo: il mutuo prima casa lo eroga lo stato. Scegliamo la stabilità del sistema anziché la finanza allegra, e se questo comporta una leggera perdita di efficienza, pazienza. La casa è un diritto, e con i diritti non si scherza. Ed è interessante come non si sa bisogno di essere grandi esperti di finanza per formarsi questa opinione: risparmia molto tempo e energia, e “si sente che è giusto”. Se vi interessa il ragionamento, lo trovate su Apogeonline. Nel frattempo la solita Voce.info (Dio ce la conservi) ha pubblicato una spiegazione semplice e convincente del meccanismo finanziario che porta alla crisi dei subprime.

Mondine and the bailout

The mondine, you see, are the elders of our tribe. It’s not just a matter of learning songs from them, however beautiful and important: it’s a general vision that they have to share, vision wich is deeply rooted in the values that make us, Italians, and Emilians in particular, what we are. So, when Antonio asked me what I think about the financial crisis and the bailout issue, I asked myself, what would mondine say? The answer is surprisingly simple and clear-cut: Silva, Lidia, Diva and the others have fought to take the satisfaction of some basic needs, which they perceive as individual rights, away from the private sector (personified by the landlord, standing on the bank of the rice paddy) and into some public sphere: care for the children, health care, pensions. There is no doubt they would much rather borrow the money to buy their home from the government, however faulty, than from Wall Street.

I do not mean to say technicalities are not important: they are, they make a huge difference, on them the Paulson plan – and its European equivalents – are accepted or rejected. But the mondine point of view gives us a perspective, a goal: the mortgage for your home should be with the government. We choose stability over sexy finance, and if this entails a slight loss of performance, so be it. A decent home is an individual right, and you do not mess around with it. Interestingly, you do not even need to be particularly skilled in finance to call this judgment: it saves a lot of brainpower and debate, and it “feels right”. The full interview became a podcast on Apogeonline (in Italian).