I dati di Obama e la prima legge di Clarke

Com’era prevedibile, Wired di giugno intervista Vivek Kundra, il primo Chief Information Officer nella storia della Casa Bianca. La visione dell’amministrazione Obama sulla distribuzione dei dati in forma machine-readable, taggabile e valutabile dagli utenti è effettivamente un argomento superinteressante, che tutti quanto faremo bene a tenere d’occhio.

Come CTO a Washington hai spostato decine di migliaia di dipendenti da Microsoft Office a Google Apps per risparmiare. Una parte della tua nuova agenda è di spostare il governo verso soluzioni di cloud computing e di software libero. Come farete?

Mi era sfuggito: a ottobre 2008, mentre Obama era occupato con la sua campagna, Kundra lavorava come capo della tecnologia del District of Columbia. Da quel ruolo, ha spostato i 38mila impiegati dell’amministrazione distrettuale da Microsoft Office alle applicazioni cloud di Google, ovviamente risparmiando un bel po’ di denaro del contribuente.

Il problema di questa storia è che, dal punto di vista teorico, la mossa di Kundra non è possibile. Nel pensiero americano sulla Political Science è molto influente il pensiero incrementalista, di cui Charles Lindblom è probabilmente l’esponente più noto e prestigioso. Gli incrementalisti hanno studiato riforme profonde e importanti, come l’introduzione del bilancio federale di previsione da parte dell’amministrazione Roosevelt, e hanno concluso che le riforme si fanno a piccoli passi, mirando a ciò che è possibile: “la situazione iniziale, più o meno un cinque per cento”. Migrare 38mila impiegati da un sistema all’altro, mister Kundra? E i sindacati? E i fornitori? Come risolvere il problema della formazione? Come ottenere il consenso del middle management? Dia retta, non si può. Facciamo un progetto pilota, uno studio di fattibilità, una cosa più… come dire? Realistica. Moderata. Incrementale.

Le argomentazioni degli incrementalisti – che rispetto molto – mi ricordano la prima legge di Clarke: se un anziano e famoso scienziato dice che una certa cosa è impossibile, probabilmente ha torto. Kundra ha mai letto Lindblom? Sapeva che la sua riforma era impossibile? Comunque l’ha fatta. Mi chiedo se un po’ meno di scientifico realismo e un po’ più di sana incoscienza possano aiutare anche i riformatori, in Italia come in tutto il mondo.

Share this:

5 pensieri su “I dati di Obama e la prima legge di Clarke

  1. gigi

    lo trovo verissimo…. il problema è che oltre all’incoscenza abbiamo bisogno anche di competenza. ce l’abbiamo un Mr. Kundra?

    Replica
  2. Alberto Autore articolo

    Dai, gigi, non ci vuole poi molto ad accorgersi che le licenze per Linux/OpenOffice sono gratis e quelle di Microsoft no. Molta gente se n’è accorta, anche qui. Il passo dopo è fare il slto.

    Ho di recente scoperto che la Provincia di Roma l’ha fatto, ma non conosco i dettagli.

    Replica
  3. rizomagosophicus

    Anche al Comune di Bologna è stata avviata la migrazione verso l’open source di tutto il sistema informativo comunale, grazie alla competenza, lungimiranza, tenacia e al senso di responsabilità nello spendere i soldi pubblici di un bravo assessore.
    Qualche giornale ne ha parlato? No! Meglio riversare la propria attenzione su gossip cittadino, questioni marginali, ecc… Anzi, il risultato è stato semplicemente questo: l’assessore non è stato riconfermato nel secondo mandato (anche e soprattutto a causa di altre innovazioni e coraggiose proposte fatte nel settore della salute pubblica quando era in carica), il suo lavoro (che dà fastidio a troppi) sta per essere smantellato (speriamo che l’open source resista!), la politica del cambiamento riceve un altro duro colpo (come se non ce ne fosse già bisogno!) e gli elettori che l’hanno fortemente ed entusiasticamente sostenuto ripiombano nella sfiducia più nera, comprendendo che ci sono potentati più o meno occulti che difendono interessi di pochi, contro i quali è impossibile operare un cambiamento. Altro che centrosinistra e laboratorio della partecipazione bolognese….!
    Che infinita tristezza!
    Scusate lo sfogo. Nonostante tutto resto comunque ottimista!

    Replica

Rispondi a gigi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.