Wikicrazia reloaded: cerco storie di collaborazione cittadini-istituzioni per un e-book

Sorry, this post in Italian only. The gist of it is that I am launching a call for papers to include in the e-book edition of my book Wikicrazia. You are welcome to participate too, but the paper has to be in Italian 🙂

A un anno e mezzo dalla pubblicazione di Wikicrazia, qualcosa si è mosso. La collaborazione costruttiva, abilitata da Internet, tra cittadini e istituzioni è ancora un fatto eccezionale; ma la pattuglia degli sperimentatori, che nel 2009 e 2010 in cui scrivevo era in grado di mettere insieme pochissimi progetti, si è molto allargata, e anche tra chi non è ancora passato all’azione si sente che l’interesse è molto aumentato.

Il momento mi sembra propizio per fare di Wikicrazia un e-book. Nello spirito che ha sempre contraddistinto il libro (e, mi piace pensare, della mia attività in generale), vorrei fare un e-book collaborativo. In particolare, penso a due parti: Wikicrazia, cioè il libro uscito per Navarra Editore nel 2010; e Wikicrazia Reloaded, cioè una raccolta di saggi che raccontano esperienze di progetti in cui cittadini e istituzioni collaborano a attività di governo; dalla progettazione delle politiche al monitoraggio del territorio, con tutto quello che ci sta in mezzo. Che tu sia un rappresentante eletto, un cittadino, un funzionario pubblico, se hai una storia così da raccontare abbiamo una buona occasione per diventare coautori. Riccardo Luna, generosamente, ha accettato di scrivere la prefazione.

La cosa funziona così:

  • Scrivi una storia. Concentrati sull’esperienza: racconta cosa succede, chi ha avuto l’idea, con chi si è alleato per realizzarla, quali difficoltà ha incontrato e quali sono stati i risultati. Non c’è bisogno che sia una storia di successo, possiamo imparare anche dagli errori e dalle false partenze. Una riflessione finale è ben accetta.
  • 1200 parole, in italiano. Controlla bene l’ortografia, perché non ci sarà editing. Ti consiglio di fare riferimento alle guide di scrittura: la più famosa (e buffa) è Come scrivere bene di Umberto Eco, ma ce ne sono anche di più tradizionali. Consegna entro il 30 di aprile a alberto[at]cottica[punto]net.
  • Non sono ammessi: asserzioni non dimostrate (“è ormai chiaro che la democrazia occidentale è in crisi irreversibile”); piagnistei (“non ce la faremo mai”), soprattutto nella variante esterofila (“A Trinidad e Tobago sì che queste cose funzionano, altroché da noi”); qualunquismo da troll (“hai voglia a fare la wikicrazia, tanto questi pensano solo alla poltrona”);  contrapposizione noi/loro (“mentre il Sindaco Casalmacchi si arroccava in un burocratismo sempre più autoreferenziale, un pugno di cittadini generosi progettava i destini del territorio sotto la guida illuminata del geometra Paladini, che aveva un cugino che era stato un anno al MIT”).
  • Licenza Creative Commons BY.
  • Ciascun co-autore firma il suo pezzo. Dobbiamo trovare una dicitura per tutto il lavoro. Potrebbe essere “A cura di Alberto Cottica”, ma se hai un’idea migliore ti ascolto.
  • Se serve aiuto vai qui.

Una volta ricevuti i contributi, impacchetto il tutto con Wikicrazia; faccio convertire il file; e pubblico su Amazon, al costo di 3 euro al download, in creative commons. Amazon lascia all’autore il 35%, cioè un euro, cioè 75 centesimi perché mi tassano all’origine, a download. Se riusciamo a vendere 150 ebook mi ripago il costo della conversione del file. Nessuno ci guadagna niente, ma abbiamo fatto insieme il punto della situazione su questa partita. Che ne dici?

Share this:

3 thoughts on “Wikicrazia reloaded: cerco storie di collaborazione cittadini-istituzioni per un e-book

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*