Qui si fa l’Italia E si muore (Italiano)

Il tour di 40 anni, ormai agli sgoccioli, ha toccato il 22 dicembre Calatafimi, cittadina famosa soprattutto per la prima vera battaglia dei Mille di Garibaldi. Bixio avrebbe pronunciato la famosa frase “qui si fa l’Italia o si muore” in quell’occasione.

Gli organizzatori ci hanno chiesto di potere proiettare un video durante il concerto. Le immagini erano più o meno quelle che vedete qui sopra: ritraggono l’arresto di Domenico Raccuglia “u vitirinariu”, accusato di essere il numero 2 della cupola, avvenuto proprio a Calatafimi a settembre 2009. Il pubblico, composto prevalentemente da ragazzi e ragazze che i quarant’anni non li vedranno per un bel pezzo: ha reagito al video con un tifo da stadio: fischi e insulti alle immagini di Raccuglia, applausi fragorosi alla polizia e alle foto di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Peppino Impastato. E del resto la stessa cosa, come vedete dal video, è successa al momento dell’arresto di Raccuglia (un killer temibile, noto per avere ucciso un bambino e averne sciolto il corpo nell’acido muriatico): ragazzine sedicenni gli urlavano insulti in faccia, magari impaurite ma fierissime.

Il mio amore per la Sicilia è nato insieme all’antimafia. Ero alla festa di Cuore quando annunciarono l’omicidio Borsellino; rimasi colpito dal cupo coraggio dei ragazzi siciliani; mi avvicinai a loro, diventammo amici e lo siamo ancora (nel frattempo uno di loro è diventato il mio editore, e un altro il mio avvocato). Ho anche scritto per loro una canzone che è entrata un po’ nel folklore dell’antimafia. Nei quasi vent’anni della nostra amicizia, il muro di omertà che proteggeva la mafia si è sgretolato: lo vedete dal video, quando la polizia fa un arresto di mafia a Palermo la gente si raduna davanti alla questura per festeggiare insieme ai poliziotti. A Milano, le forze dell’ordine sono sole.

Io amo e ammiro questa Sicilia, questo Sud, e mi vergogno profondamente per la mancanza di reazione civile nel nord Italia contro la criminalità organizzata, che infiltra appalti, costruisce, compra attività. Se dalla mafia ci salveremo, su al Nord, credo proprio che ci salveranno loro. @Assolombarda: posso proporre di assumere uno dei ragazzi di Calatafimi come responsabile antimafia e antiracket? Da milanese, mi sentirei decisamente più tranquillo.

Share this:

4 pensieri su “Qui si fa l’Italia E si muore (Italiano)

  1. Benedetto Bellini

    Grazie, delle parole, del concerto, del calore, della Musica… tutto questo ci rende fieri di essere CALATAFIMARI!
    Grazie di Cuore

    Replica
  2. Antonino

    Sapere che c’è qualcuno al di fuori dei confini siciliani che nonostante tutto ci sostiene, ci acclama, ci AMMIRA, addirittua che ci AMA, penso sia una cosa fantastica…! da li spesso si prende quel pò di forza che serve per continuare nel antimafia….!
    (spesso nelle vostre canzoni, si senso anche un po di carica, si sente questo amore siciliano e questa voglia di cambiare, di poter fare, insieme a noi)
    è stata una bellissima serata, emozionante, lo scorrere di quelle foto e gli APPALUSI sentiti dinanzi le foto di P.B. G.F. e Peppino Impastato, dimostrano una sicilia differente, da quella che di solito viene disegnata! GRAZIE ALBERTO COTTICA , GRAZIE A VOI TRE, A PRESTO!

    “quando la polizia fa un arresto di mafia a Palermo la gente si raduna davanti alla questura per festeggiare insieme ai poliziotti. A Milano, le forze dell’ordine sono sole.”

    RIFLETTETE, QUESTA E’ UNA FRASE BELLA ED IMPORTANTE!

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.